Il Golfo di Baratti: Spiaggia, Mare e Storia

Il Golfo di Baratti: Spiaggia, Mare e Storia

Il Golfo di Baratti e gli Etruschi

Quello di Baratti è da considerare uno dei luoghi da visitare in Toscana tra i più affascinanti. Una meta sicuramente da non perdere durante una gita alla scoperta della costa. Un luogo con alle spalle una storia millenaria che possiamo per fortuna rivivere ancora, grazie alle numerose evidenze rimaste conservate fino ai giorni nostri.

Il Parco archeologico di Baratti e Populonia è infatti uno dei siti Etruschi più importanti e meglio conservati d’Italia. Ha un’estensione di circa 80 ettari ed è visitabile attraverso sentieri organizzati immersi nella natura. A Baratti infatti, storia ed archeologia vivono in un paesaggio naturale bellissimo ed incontaminato.

Il porto e la lavorazione dei metalli

Gli Etruschi utilizzavano questa costa come luogo di attracco per le proprie navi. Ma la morfologia del golfo e del porto presenti all’epoca, era molto diversa da come la vediamo oggi. Degli studi sostengono infatti che il porto etrusco fosse situato all’incirca cinquanta metri più avanti nel mare e che l’erosione, nei numerosi secoli, abbia arretrato la costa fino a dove la vediamo noi oggi.

Il porto etrusco aveva molte funzioni, ma principalmente quella di polo commerciale. Attraverso questo punto di attracco strategico, venivano caricati dagli Etruschi i materiali ferrosi sulle navi. Nel territorio del golfo infatti, era presente un polo importantissimo per la produzione del ferro. Da qui la ragione del particolare colore della spiaggia del Golfo di Baratti, molto più scuro rispetto alle altre spiagge della costa tirrenica, caratterizzato appunto da una distesa di piccoli frammenti ferrosi derivanti dagli scarti della produzione dell’epoca etrusca.

Gli Etruschi modificarono sicuramente la forma naturale dell’arco caratteristico del Golfo di Baratti, riversando sulla spiaggia numerose ed importanti quantità di materiale ferroso. Il mare con il tempo ha quasi del tutto abraso tali discariche, per cui si può ritenere che il disegno del golfo e la linea attuale della spiaggia siano comunque in perfetto equilibrio con l’azione naturale delle onde.

Camminando all’interno del Parco è possibile trovare i resti degli edifici industriali di epoca etrusca e la necropoli monumentale di San Cerbone. Questa ha soprattutto la particolarità di essere l’unica, tra tutte le necropoli etrusche, ad essere stata costruita davanti al mare.

Una spiaggia turistica molto apprezzata

Sono migliaia le persone che tutti gli anni, da primavera ad autunno inoltrato, frequentano la bellissima spiaggia di Baratti.

Un luogo incantato dove trascorrere piacevoli momenti di relax distesi sull’asciugamano, coccolati dalle onde del mare e baciati dai caldi raggi di sole. La sabbia, particolarmente scura e rovente, ricorda ad ogni passo ai suoi ospiti le sue antiche origini.
Questo luogo incantato, da alcuni elogiato come “i Caraibi d’Italia“, è meta di turisti italiani e stranieri (principalmente tedeschi e nord europei), ma anche di residenti delle zone circostanti che hanno qui il loro piccolo angolo di paradiso dietro casa.

Sei affascinato dalla storia e dalla speciale spiaggia di Baratti? Vieni a scoprire questa meta turistica in Toscana che puoi comodamente visitare da ognuna delle case vacanze presenti sul nostro sito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts

Confrontare

Enter your keyword